Conferenza a Lanciano (19.01.2018)

Si è tenuta a Lanciano, presso il Teatro (ex Casa di Conversazione), la conferenza di apertura del Progetto Fenaroli 2018, con interventi di Franco Fanci (Filanxanum), Gianfranco Miscia (MVSA) e lo scrivente, con una prima disamina delle opere per strumenti a tastiera.

19gen2018 Fedele Fenaroli Conspe - fb

IMG_0964

IMG_0963

IMG_0967

Annunci

Fedele Fenaroli 1818 – 2018: II Centenario dalla morte

Il Conservatorio di Musica “Luisa d’Annunzio” di Pescara patrocina e produce per l’anno solare 2018 un progetto contenitore dedicato al II Centenario di Fedele Fenaroli, il celebre autore dei Partimenti.

L’iniziativa prevede un ricco cartellone di conferenze, concerti, seminari, produzioni, mostre, allestimenti e pubblicazioni (cartacee, digitali ed audiovideo).

L’inaugurazione è prevista a Lanciano, presso la ex Casa di Conversazione, venerdì 19 gennaio alle ore 17.30, con il patrocinio ed in collaborazione con Comune di Lanciano, Associazione Filatelica Filanxanum, Istituto Nazionale Tostiano, Associazione “Masciangelo”, MVSA – Musica d’Abruzzo.

19gen2018 Fedele Fenaroli Conspe - fb

Fedele Fenaroli e le Opere per Tastiere: perché il blog.

FIRMA FENAROLI pulita

Il mio personale interesse per la figura e le opere di Fedele Fenaroli è relativamente “storico”: risale infatti al novembre 1998.

Quell’anno mi venne chiesto dall’allora Fondazione Caripe di Pescara di realizzare una conferenza-concerto su musiche di autori abruzzesi. Scelsi Fenaroli perché quella Fondazione custodiva (e ha tutt’oggi) due partiture manoscritte originali di Fedele e di Francesco Antonio Fenaroli. Mi sembrò quindi logico proseguire in un simile percorso di ricerca.

Realizzai anche un opuscoletto stampato con il patrocinio della Fondazione, essenzialmente incentrato sui rapporti espliciti tra l’opera tastieristica del Fenaroli e i bassi della sua principale opera, quella dei Partimenti. Di fatto potei provare come le Sonate superstiti altro non fossero, in buona parte, che suoi esercizi realizzati.

Nella stessa occasione potei anche scoprire come un’opera attribuita a Fenaroli con il titolo di Apertura in la maggiore (in due tempi), fosse in realtà la copia di una delle cosiddette Otto Grandi Suites di G. F. Haendel (Preludio ed Allemande nella medesima tonalità), probabilmente attribuite al compositore lancianese da un ignorante copista.

Purtroppo dopo quella prima occasione passarono parecchi anni, in tutt’altre direzioni musicali in generale e clavicembalistiche in particolare.

Nel dicembre 2012 la nascita di un gruppo di lavoro composto da Docenti e Studenti del Conservatorio di Musica di Pescara che avevano deciso di studiare ed approfondire pagine del repertorio musicale regionale, ABRUZZO BENI MUSICALI, fu l’occasione per riprendere quegli studi e condurre, seppure con non poche interruzioni (il musicista raramente può programmare la sua carriera musicale annuale, più che altro ne subisce le scadenze a causa di eventi esterni) una serie di piccole ma significative attività in merito: concerti, qualche conferenza, registrazioni audiovideo, e sopratutto, dal 2015, la creazione di un apposito databank digitale, contenente tutte le informazioni musicali disponibili su Fedele Fenaroli e le opere per strumenti a tastiera (Clavicembalo e Organo).

Nel frattempo, con l’affacciarsi del XXI secolo, la figura del Fenaroli è stata ampiamente rivalutata non tanto la pur importante produzione sacra, quanto per il ruolo (storico, didattico e musicale) di quell’importante trattato che è l’opera dei Partimenti.

Eminenti studiosi, sia americani che nazionali, ne hanno infatti riscoperto le insite qualità, modificandone la visione da mero trattato di pratica d’accompagnamento a vera e propria opera pratica di composizione. Questo fenomeno si è presto allargato a tutta la cosiddetta “Scuola Napoletana” (da Durante in poi), di fatto creando le premesse per una nuova, vivace e certamente più obiettiva visione del repertorio strumentale italiano tra Settecento e Ottocento, in genere schiacciato dalla preponderanza della pratica belcantistica.

La prossima ricorrenza, il 1° Gennaio 2018, del secondo Centenario dalla scomparsa del musicista lancianese, presumibilmente una ottima occasione per nuove iniziative celebrative e musicali non solo regionali, mi ha spinto di conseguenza al realizzare questo apposito blog, con un duplice obiettivo: favorire l’appassionato, il musicista e lo studioso nella ricerca di materiale utile alla figura del Fenaroli sopratutto in ambito tastieristico;  testimoniare le attività realizzate nel recente passato e speriamo del prossimo futuro su un  così importante personaggio della storia musicale nazionale.